Home - Castello di Torre in Pietra
14468
home,page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-14468,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-16.8,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

Sfarzosa residenza di caccia nel Cinquecento, meta di svaghi e ricevimenti, diventa nel Settecento la dimora dei Principi Falconieri che invitano i migliori artisti del loro tempo.
Gli interventi del pittore Pier Leone Ghezzi e dell’architetto Ferdinando Fuga nel palazzo e nella splendida chiesa creano un contesto di opere d’arte di eccezionale importanza.
 
È qui che organizziamo con voi un evento a misura, nell’arte, nella riservatezza, nella quiete.

LE SALE AFFRESCATE

Chiamato dai principi Falconieri a decorare le sale del piano nobile, Pier Leone Ghezzi realizza nel Settecento un ciclo di affreschi, cronaca animata e brillante delle vicende del tempo. Nel salone principale si celebrano i fasti della famiglia e la visita al castello del Papa Benedetto XIII.

L’ARCHITETTURA

Il borgo fortificato con le mura di cinta, le torri di avvistamento e il fossato raccontano l’origine medioevale del Castello. Da ammirare l’opera del celebre architetto Ferdinando Fuga che nel Settecento crea l’imponente scalinata che conduce al piano nobile, ricava dalla roccia la stanza oggi chiamata “Sala del bosco” e progetta l’insolita chiesa a pianta ottagonale.

LA CHIESA DEL BORGO

Piccolo gioiello del Fuga con affreschi del Ghezzi, la chiesa di S. Antonio Abate ricevette la benedizione di papa Benedetto XIII come racconta lo splendido cartiglio sulla porta, di fronte all’altare.

Perfetta cornice per celebrare in un’atmosfera intima ed elegante il vostro matrimonio all’interno del borgo.

UNA PASSEGGIATA AL CASTELLO

Una passeggiata nel borgo, una sosta alla fontana, un aperitivo in giardino, un giro nelle corti, alla scoperta del genius loci.

Saliamo al piano nobile: pareti affrescate ci immergono nella storia, nelle vicende, nella natura dipinta e rigogliosa del luogo.

L’IMPRESA DI LUIGI ALBERTINI

Luigi Albertini, grande direttore del “Corriere della sera” fino al 1925, per la sua opposizione al fascismo lascia il giornale e realizza l’impresa di bonificare le terre intorno al Castello creando una grande azienda agricola e zootecnica all’avanguardia, famosa per la produzione di latte e yogurt.